TOLSTOJ – Lo zar e il falco

.

Uno Zar, mentre era a caccia, lanciò contro una lepre il suo falco preferito e lo seguì al galoppo.

Il falco prese la lepre. Lo Zar gliela tolse e cercò dell’acqua per dissetarsi. Ne trovò ai piedi di un monticello, ma sgorgava goccia a goccia. Lo Zar prese la coppa attaccata alla sella, la pose sotto l’esile filo di acqua e quando fu piena se la portò alle labbra, ma il falco, appollaiato sul suo braccio, fece un movimento brusco e con un batter d’ali fece cadere l’acqua.

Lo Zar collocò di nuovo la coppa sotto il filo d’acqua, attese lungamente che fosse piena fino all’orlo e per la seconda volta, quand’egli la sollevò per portarla alla bocca, il falco trasalì e fece cadere l’acqua.

Per la terza volta lo Zar riempì pazientemente la coppa perché fosse piena e la avvicinò alle labbra; il falco la rovesciò di nuovo. Lo Zar, irritato, afferrò l’uccello, e, scagliandolo contro una pietra, lo uccise di colpo.

In quel momento giunsero di corsa sui loro cavalli i servitori dello Zar. Uno di loro si arrampicò in cerca della fonte, per trovare acqua più abbondante e raccoglierne in fretta una coppa piena. Ma non riportò acqua: tornò con una coppa vuota e disse:

— Non si può bere quest’acqua. C’è lassù un drago che ha versato il suo veleno in questa fonte. Fortunatamente il falco ha fatto cadere l’acqua che stavi per bere: se l’avessi bevuta, saresti morto.

Lo Zar disse:

— Ho molto male ricompensato i servizi del mio falco: esso mi ha salvato la vita e io l’ho ucciso.

Da I QUATTRO LIBRI DI LETTURA, di L. Tolstoj – Liguori Editore

FOTO:  Rete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close