Quando la favoletta ufficiale non dice niente

Quando la favoletta ufficiale non dice niente

della storia e questa viene narrata

dai professionisti del Potere

come un romanzo piegato al loro capriccio,

ecco che arriva la poesia con il suo inchiostro

e gli si pianta davanti scomoda

e li smaschera con le sue povere armi

e svela le sfumature

della vita che pulsa strapazzata

da amori e disamori.

La poesia colpisce con i suoi sassolini d’acqua

le finestre dei tempi,

ma sembra così lieve il suo lamento,

così impercettibile,

così basso il volume della sua voce di creatura bizzarra

che in coro rispondono irritati:

« È matta » « E da legare » « Da tenere alla larga ».

Loro non sanno quanta strada nelle ombre

ha lasciato dietro di sé.

Rinnegano gli occhi con cui svelò l’artificio.

Rinnegano la spada con cui sconfisse la morte.

Rinnegano il petto da amazzone con cui difese

i cuccioli dell’universo.

Rinnegano la feroce pugnalata che diede al mostro.

Così dolcemente mette il dito nell’occhio dell’incredulo

con la sua verità inconfutabile.

Così assolve al suo modesto compito

innaffiando le piantine per il futuro.

La piuma che vola sullo sterco.

La folata che solleva il fumo e

svelò la ferita della terra dura.

La falena che sfidò la fiamma.

.

Carmen Yáñez

FOTO: Rete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close